La mia esperienza come Pet Therapist

Lavoro da sette anni nel campo dell’educazione con minori in difficoltà ed ho sempre fortemente creduto nel rapporto: “uomo-animale”, nella collaborazione e nel reciproco aiuto, nonché nei benefici dell’interscambio relazionale.

Mi sono avvicinata alla pet therapy quattro  anni fa,  quando ho deciso di scrivere e portare avanti con la  collaborazione di  Stefania Invernizzi della Lega del Cane,   il progetto: “Ciao amico Bau… Io avrò cura di Te”,  portando i bambini della scuola elementare Bottego e del  centro diurno: Tempo per l’infanzia, presso il Rifugio di Segrate .  Attraverso tale esperienza, durata due anni,  i ragazzi hanno avuto la possibilità di fare volontariato con i cani in stato d’abbandono. In poco tempo il livello di comprensione, d’autostima e socializzazione dei minori è migliorato.

Per queste motivazioni,  ho poi deciso di dedicarmi completamente alla pet therapy.  Mi sono formata  presso  “Spazio per noi”  (Associazione che si occupa dello studio della relazione con gli animali) ed ho ottenuto la con certificazione SIUA (scuola interazione, uomo-animale) con  il mio cane Jacky, superando 15/15 prove . Dopo tale formazione ho deciso d’andare avanti e di formare una équipe multi -professionale competente in materia.  Seguendo la Carta di Modena 2002, mi sono adoperata per creare un lavoro di rete con diversi professionisti quali: veterinari comportamentalisti, veterinari zooiatri, educatori cinofili, psicologi, formati  anch’ essi in pet  therapy. E’ nato così il  progetto: “Amico Pet”,  finanziato attraverso il progetto “Genitorinsieme” Centro di consulenza per la famiglia e l’età evolutiva L. 285/97 IV Piano Infanzia e Adolescenza Bando 2008- 2011.

Al progetto hanno aderito due cani pet therapist: Jacky e Tommy, entrambi con certificazione SIUA.

Le scuole ci hanno aperto le porte ed abbiamo lavorato con bambini affetti da:

a) compromissione motoria

b) ritardo mentale medio/grave

c) limitato grado d’autonomia personale

d) difficoltà nelle modalità comunicative

e) livelli di stereotipie e comportamenti autisti formi.

f) disturbo dell’umore e della sfera affettiva relazionale

Tutto è stato documentato con videoregistrazioni, fotografie e attraverso la  compilazione di griglie per monitorare anche lo stress dei cani coinvolti, durante tutto il percorso di pet  therapy.

L’équipe , insieme alle insegnanti di sostegno, ha individuato gli obiettivi e i specifici referenziali sui quali lavorare. Attraverso una metodologia adeguata, si è cercato di sostenere e migliorare la condizioni dei minori svantaggiati, tutelando e monitorando anche lo stress emotivo dei cani coinvolti. Si è lavorato prevalentemente per rafforzare l’autostima, la socializzazione, la comunicazione, e migliorare  l’igiene e la cura personale dei ragazzi. I cani coinvolti hanno collaborato per far acquisire queste consapevolezze, poiché i cani riescono a comprendere il linguaggio non verbale e lo stato emotivo della persona, meglio dell’uomo stesso.

I cambiamenti, nonché miglioramenti, sono stati registrati in apposite schede strutturate e monitorati per tutto l’anno. Sia i genitori che gli insegnanti, alla fine de percorso,  hanno rivelato e riscontrato miglioramenti nei figli/alunni. Molte scuole, da allora, hanno richiesto il servizio. Da qui l’esigenza di formare nuovo personale, valido e competente, per lavorare bene in équipe.

Attualmente , infatti, io l’équipe ci occupiamo anche  della formazione del personale in AAA e TAA col cane e col gatto,  collaborando sia con  il centro diurno Tempo per l’Infanzia che con il centro Manara Center, al fine di far conoscere seriamente la pet therapy in Italia e lavorare con équipe seriamente valida e professionale.

Quella della pet therapy, resta sicuramente un’esperienza da vivere e difficile da raccontare. Posso dire che ho avuto e sto avendo la possibilità di portare avanti un’esperienza molto importante; sento la necessità di continuare a coinvolgere più figure professionali all’interno dell’équipe, in quanto dalla mia esperienza ho capito che è importante una pet  therapy integrata.

Concludo con una citazione, che mi sento cucita addosso, soprattutto perché mi fa pensare all’immenso amore che ho ricevuto dal mio primo cane: Simba!

Spero  possa diventare, per molti,  uno spunto di riflessione e d’ abbattimento di barriere concettuali che portano lontano dalla relazione con il mondo animale:

“E’ l’antica amicizia, la felicità d’essere cane e d’essere uomo, trasformata in un solo animale, che cammina muovendo sei zampe e una coda con rugiada.” P. Neruda

Privacy & Cookies
Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti. Puoi trovare maggiori informazioni sulla privacy& Cookie policy di questo sito qui:
Privacy policy

Manara Medical Center

Via L. Manara, 15
20122 Milano
Tel : 02 / 49 45 13 54
Fax: 02 / 49 45 67 05
Prenotazioni promozioni online:
333-321-4838

Servizio Infermieristico

E' disponibile sia presso il centro che a domicilio su prenotazione

Categorie
Stats